30.01.2018

I materiali che domineranno il 2018 nell’Interior Design

News

Per quanto riguarda i materiali, le tendenze 2018 nel mondo del contract e dell’interior design ruotano intorno a due trend molto forti: da un lato quello già consolidato dell’uso del legno e di elementi eco-sostenibili, dall’altro la vera novità che riguarda il grande ritorno di elementi d’arredo dal sapore retro, ma declinati in un contesto moderno spesso contraddistinti da nuove e inedite destinazioni d’uso.
Dopo anni di shabby chic, tornano, infatti, in auge i materiali nobili, tra cui in primis il marmo. Dal classico di Carrara, bianchissimo e chic, sino ai più originali Verde Alpi o Nero Portoro, è proposto, oltre che nella versione lucida, soprattutto in quella opaca. Perfetto per essere abbinato con il legno, ma anche con le finiture del momento, come la resina e il cemento, viene utilizzato non solo per bagni e cucine, ma anche per ripiani e intere pareti che uniscono funzionalità e raffinatezza.
L’altro trend molto forte è l’utilizzo di metalli dalle sfumature rosé, come l’ottone e il rame; una tendenza complementare a quella del marmo perché la freddezza che contraddistingue questa roccia si sposa perfettamente con il calore di queste leghe. Essi sono utilizzati soprattutto per dare un tono originale e sofisticato a dettagli e finiture: lo ritroviamo quindi nei miscelatori, nelle maniglie o nelle zoccolature, oppure in grandi pannelli che danno vita a nicchie e rivestimenti da illuminare ad arte per una resa di sicuro effetto.

I toni “naturali” di marmo e ottone sono spezzati con un tocco di colore acceso, dal rosso ai caldi viola melanzana e verde jungle, soprattutto se utilizzato nei materiali che faranno da padrone per l’arredotessile, come il velluto, o nelle carte da parati che ora diventano protagoniste anche in bagno.

Per il 2018 i trend nell’interior design sembrano quindi aver abbandonato il minimalismo puro e lo stile country chic a favore di un exploit di colori e materiali che si ispirano al passato, dove il tocco contemporaneo è dato soprattutto dall’uso di pattern semplici e geometrici che contrastano con tocchi d’esuberanza dati, per esempio, da motivi floreali e esotici che si ispirano all’arte povera messicana e sud americana del secondo dopo guerra.

Ph. Courtesy of Philip Plein, progetto dello Studio Pironi & Partners